Riassunto

Il cuoio è uno dei materiali più usati nelle industrie di prodotti in cuoio e calzaturiere, inoltre viene impiegato per la manifattura di una varietà di prodotti nell’industria dell’abbigliamento così come in quella dei mobili.

Malgrado si ritenga che l’industria conciaria giochi un ruolo importante nell’ambiente in quanto sfrutta prodotti secondari dell’industria alimentare, le diverse fasi necessarie per la trasformazione delle pelli in cuoio genera una quantità considerevole di rifiuti, sia liquidi che solidi che rende il processo una fonte di inquinanti.

Durante il processo di concia, una percentuale delle pelli viene scartata a causa o di una mancanza delle proprietà necessarie o per ragioni estetiche. In aggiunta i peli, la lana, la carne ed il sebo vengono rimosse dalla pelle durante la preparazione della pelle grezza e nelle operazioni di riviera. Il risultato è che il 75-80% delle pelli salate verdi diventano rifiuti solidi in conceria.

L’avanzamento delle politiche e legislazioni Europee per la salvaguardia dell’ambiente ha spinto a trasformare i rifiuti solidi delle concerie in prodotti secondari di valore, utili per essere riciclati o impiegati in altre industrie. Esempi di soluzioni che sono state proposte per rifiuti non conciati sono la preparazione di fertilizzanti organici, produzione di biomateriali, gelatine o collagene e la produzione di carburante bio.

In questo senso il progetto LIFE microTAN si focalizza sul recupero in situ dei derivati del collagene dai rifiuti non conciati. La proprietà di formare involucri delle gelatine è alla base delle applicazioni nell’industria alimentare, nella fotografia, cosmetica e nell’industria farmaceutica. Recentemente sono sorte nuove applicazioni come quella del loro utilizzo come agenti micro incapsulanti, che costituisce l’obiettivo del progetto, in linea con i bisogni crescenti di materiali funzionali per il miglioramento della qualità della vita, così come gli emergenti trend di rimpiazzare materiali grezzi fossili con prodotti più naturali.

Per questo l’obiettivo principale di LIFE microTAN è di dimostrare, su scala semi-industriale, la fattibilità tecnica, ambientale e finanziaria della separazione di prodotti proteici come i derivati del collagene e gelatin con proprietà specifiche dai rifiuti solidi della concia per poterli riutilizzare come agenti naturali microincapsulanti nella produzione di materiali attivi con proprietà funzionali.

FaLang translation system by Faboba